Siete li, soli, durante pace, insieme gli occhi pieni e il sentimento e

Siete li, soli, durante pace, insieme gli occhi pieni e il sentimento e

Il volta coperto, affinche si riflette sull’acqua colorando anch’essa dello identico forza, l’aria fresca, umida, con quell’odore di senno e di acquazzone, un aroma di terre al opportunita in persona conosciute e sconosciute. Riuscite ad desiderare? Dai, chiudete gli occhi un lampo…

Simile ingente, dunque immenso, almeno perseverante. E’ donna modo una genitrice perche culla, e prossimo maniera un innamorato cosicche abbraccia.

Isolato l’orizzonte lo divide dal atmosfera

Vi togliete le scarpe e affondate i piedi nudi sulla rena fredda, camminate incontro la approdo, verso quella falda di rena bagnata perche accoglie le onde e le maree quando ansa la sera. Ecco… l’acqua vi www.datingrating.net/it/siti-di-incontri-cinesi/ tocca i piedi e vi abbandonate interamente ascoltando una aria eterea e dolcissima risma di arpe, violini, silenzi. A volte un gabbiano, un sbuffo di folata perche pare un vocio. Compiutamente diventa piuttosto fievole ora.

Guardate precipitosamente per dritta, vedete affinche le nuvole sono mutate nella forma? Si sono allontanate e si sono fatte ancora piccole, il volta e ancora limpido e un sole squisito si erge verso snebbiare tutti fatto. Fate un qualunque passo, avvicinatevi verso quell’aria tiepida e lasciate che vi avvolga, un po vi riscalda, di dato vi moina. Sedetevi particolare in quel luogo, ove siete. Sedetevi sulla sabbia, dinnanzi al vostro costa d’inverno. Guardatelo… e del ripulito tuttavia sembra perche parli corretto di voi. Qualsivoglia ondata, qualsiasi sibilo del soffio vi accarezza e vi tornano sopra ingegno i sogni con l’aggiunta di sinceri, i desideri abbandonati, le canzoni cantate e sentite entro lacrime e sorrisi… e complesso diventa un’altra volta arte poetica.

Ognuno di noi apertura all’interno di se il suo riva d’inverno, ognuno di voi lo immagina a sistema suo, ma io non potevo mostrare insieme altre parole affare vedo negli occhi di Lui quando lo vista.

I suoi occhi sono chiari, verso tratti grigi. Un iride fredda ma di una amabilita scoraggiante. Sono trasparenti, sono luminosi modo quelli di chi e idoneo di avvertire la musica nel oblio. Ciononostante specialmente sono i suoi.

E lui periodo li.

Avete spettatore quelle giornate affinche iniziano insieme una certa noia, per mezzo di quel spirito imparato di, appena manifestare… ordinaria ordine? Ecco, epoca un ricorrenza di quelli.

Un ricorrenza qualunque, un anniversario appena tanti. Uno di quei giorni sopra cui i minuti si rincorrono, susseguendosi l’un l’altro, privato di che una particolare versi desse colore al pace di sottofondo.

Per ciascuno di questi giorni io presi l’auto e andai verso il lavoro, con la distacco che solo la oltre a ovvia delle consuetudini ti regala. Parcheggiai, come d’abitudine, accanto alla solita siepe potata tutt’altro in quanto unitamente nitidezza, quella in quanto divide il paradiso dall’asfalto. Mezzo continuamente imbracciai la mia sussidio e con l’aria di chi non si aspettava quisquilia di originale camminai decisa incontro il mescita, in quel luogo affianco. Il abitudine mescita. Il abitudine bar, esteso e decaffeinato. La solita dunque. Ciononostante questa volta qualcosa c’era di diverso…

Una verso, bassa e forte, si ergeva su al fama ogni di quel anniversario qualsiasi. Due occhi nascosti. Il aria nuovo dal solito volta, il sole anormale dal solito sole.

Diverso, si, pero mi pareva di sentirlo dunque vicino… mezzo nel caso che lo conoscessi da sempre. Sorrideva e restava con pace, mi guardava negli occhi e unito abbassava lo sguardo, riservatamente. Non ci eravamo no visti, precedentemente di quel periodo purchessia, nemmeno una acrobazia. Lui epoca li, ed evo bellissimo. Gli occhi chiari, verso tratti grigi maniera il litorale d’inverno, le mani grandi ciononostante agili cosicche non stavano ferme un aiutante, una R alla francese in quanto ammorbidiva le parole e la articolazione. Al momento non sapevo affinche avrei afferrato verso conoscerle quelle labbra, ora non sapevo giacche quelle mani si sarebbero posate sulla la mia cotenna.